logo
Home
La storia
Il dolce
Gli ingredienti
Alessandro Manfrč
Punti vendita
Comanda online
Contatto
La storia

Tratto dal libro Confidenze col Merlot, 1949 di Guido Calgari

"Una menzione speciale vorrei tuttavia tributare al dolce folcloristico di Faido, nel quale si sposano cucina e arte, tradizione e religione; le «spampezie», due sottili pezze di pasta dura tra le quali, come nelle valve di una conchiglia, è serrato un ripieno composto di noci tritate, miele, liquori e burro; il ripieno viene leggermente soffritto, mentre si colloca la prima copertina di pasta sopra il «mòdulo» di legno; notate che i moduli hanno secoli e secoli, sono tradizione di ogni famiglia, sacri come i mobili di casa; vennero incisi da ignoti artigiani, riproducono scene del Vangelo - lo Sposalizio della Vergine, il Natale - o fiori della montagna o animali o cuori d'innamorati; con la punta delle dita si fa aderire lestamente la pasta alle cavità dell'intaglio, poi si colma ogni dislivello con il fragrante ripieno; si getta sopra la seconda coperta, si ritaglia il superfluo intorno al modulo, si mette nel forno.

Quando la spampezia è cotta, la si pittura con una larga spatola intinta nella chiara d'uovo; è come uno smalto lucido che le dà signorilità e grazia; come il cristallo sul quadro. O perché credete che Suwaroff si sia fermato a Faido? Ancora la storia... Per le ragioni che indica il Padre Angelico nei «Leponti»? neppur per sogno; soltanto perché vide i Frati del Convento intenti a preparar le spampezie, mentre dagli spalti del S.Gottardo gli Urani allungavano il collo...

Finita la cuccagna, ora le mangiavano i Russi."
 

 

Le “Spampezie” di Darani fanno il giro del mondo
(Articolo tratto da Terra Ticinese, N.4, Agosto 1984)

Ticino, terra di artisti, ma anche di validi imprenditori ed artigiani, fedeli alla tradizione che li contraddistingue per estro e fantasia. Morris Darani, pasticcere di Faido, rientra in questo novero con una sua specialità che è il caso di dirlo ha fatto il giro del mondo: le “Spampezie”.
Sono richieste oltre San Gottardo ed anche all’estero e quest’anno, tramite spedizione aerea, hanno raggiunto anche gli Stati Uniti d’America. Un po’ di Leventina a tavola sembra il motto che anima l’intraprendente pasticcere di Faido.

 
 
tutti diritti riservati © spampezia.ch | design+photo by cber.ch